Tech

Instagram Reels è Negozi di Creatori: Cumu alcune novità aumentanu a pressione nantu à i creatori

Loading...

A Rachel Reichenbach li piace à scherzà chì hè u signore di un cultu di a rana internet. Ùn hè micca un male travagliu per un artista di 22 anni. Reichenbach, chì hè ancu un studiente universitariu à tempu pienu in California, hà iniziatu à vende portachiavi, spilli, peluche, abbigliamento è altre apparecchiature di i so schizzi anfibi in u 2019, è mentre u so publicu Instagram cresce, e so vendite anu fattu. A diversità di a maiò parte di e persone chì chjamemu “creatori” in a piattaforma (specificamente influenzatori), Reichenbach ùn hè micca facilmente identificabile da a so faccia nantu à i so media sociali. Invece, i so disegni è animazioni di a so firma blob-like, cartoon cartoon sò quelli chì occupanu u centru di scena. E rane sò ella marca è impresa, è Instagram era a petra angulare di u so successu di merchandising.

A buttega di Reichenbach Rainy Lune hè una impresa unipersonale, ancu quandu ella hà accumulatu più di 107.000 seguitori. Hè incaricata di cumunicà cù i vinditori è i clienti, di spedisce l’ordini è di cummercializà i so prudutti. È postu chì Instagram hè induve ella attira in modu fiduciale a maiò parte di u trafficu di u so situ web (è e vendite, di conseguenza), a maiò parte di i so sforzi promozionali dipende da l’applicazione – è da a so capacità di ghjucà i so algoritmi apparentemente sfuggenti.

“Ùn possu micca veramente fà una pausa quandu una grande parte di u mo redditu dipende da a posta è da ricurdà à a ghjente chì esistu”, mi hà dettu. “Ùn aghju micca publicità, perchè tuttu ciò chì fazzu hè basatu annantu à a portata organica”. Ma di più in più, Instagram sembra dumandà di più da i so creatori è imprenditori. Ùn basta à publicà è sperà u megliu; avia bisognu di una strategia.

Reichenbach mette in mostra i prudutti nantu à i so feed è Stories ogni ghjornu, è hà una vitrina Instagram virtuale per visualizà e so offerte. Eppuru, u so scopu hè di indirizzà i cumpratori à u so situ web per pudè raccoglie i dati di i clienti per i materiali di marketing. Instagram, per u so parte, vole un pocu di più. Di farraghju, hè stata cuntattata da un riprisentante d’Instagram, chì li hà dumandatu di pensà à integrà a funzione “checkout” di l’app in a so buttega. A funzione sarebbe teoricamente più cunveniente per l’utilizatori postu chì ùn anu micca bisognu di abbandunà l’app per acquistà un articulu – una putenza benefica per l’attività di Reichenbach. Questa ùn era micca a prima volta chì Instagram s’hè avvicinata à ella: In precedenza hà avutu una chjamata cù un altru rappresentante in Dicembre è hè stata incuraghjita à aduprà più proattivamente a funzione Reels per aumentà u so impegnu generale.

Instagram è a so sucietà parentale Facebook anu passatu l’ultimu annu à integrà più funzioni cummerciale nantu à e so piattaforme. Inizialmente, sta enfasi era destinata à l’imprese in lotta in mezu à a pandemia. E grande rete suciale si sò rese contu, tuttavia, ci hè un ingressu significativu da fà attraversu influenzatori è e-commerce; sta attenzione si hè sposta versu i creatori è u crescente ecunumia di creatori.

Instagram hà lanciatu a so prugramma inaugurale “Semaine du Créateur” à principiu di ghjugnu. Hè stata l’occasione di prumove aghjurnamenti incrementali à i Creatore Shops, una espansione di e funzioni di shopping esistenti di Instagram chì hè stata annunziata per a prima volta in aprile, è u so strumentu affiliate nativu, chì permette à l’influenzatori di guadagnà una cumissione per l’acquisti di prudutti chì guidanu in l’app.

I creatori cù e so proprie linee di prudutti, cum’è Reichenbach, puderanu culligà a so buttrega cù u so prufilu persunale è travaglià direttamente cù vinditori preselezionati è partenarii di merchenzie s’elli decidenu liberà più articuli.

Alcune di e funzionalità appena rilasciate sò direttamente applicabili à a so impresa: L’arnesu di affiliazione, per esempiu, puderia permettela di associà direttamente cù un creatore di stile di vita è neguzià una tarifa di cumissioni. Instagram hà ancu incentivatu i creatori à aduprà più di e so funzioni di livestream per mezu di un sistema “tappa” chì offre pagamentu in più. Reichenbach era entusiasta di pudè guadagnà circa $ 100 simpliciamente trasmettendu si stesse schizzi di rane per un’ora.

Ma sti strumenti, ancu se sò ben intenzionati, ùn puderanu micca prufittà interamente – o ancu applicà – à e persone chì si guadagnanu a vita per Instagram. “Creador” ùn hè micca un termini per tutti, è i so bisogni varienu secondu a dimensione di l’audienza è u nichu. I scrittori di Mezzi di Creazione, una newsletter nantu à l’ecunumia di i creatori, sustenenu chì i creatori ùn deve micca esse attaccatu à una piattaforma o tipu di cuntenutu. Piuttostu, duverebbenu sperimentà cù mudelli d’affari varii è metudi di monetizazione per truvà ciò chì funziona megliu per u so publicu è u so stile di vita.

Reichenbach ùn face micca parte di i numerosi creatori di stili di vita è di moda chì pupulanu Instagram; ella si considera un mischju di un artista è un pruprietariu di piccule imprese. Resta scettica nantu à l’aggiornamenti chì puderebbenu aumentà a dipendenza di a so impresa da a piattaforma, ancu s’ellu hè prumossu sottu a vesta di monetizazione di i creatori. È mentre questi strumenti sò fatturati cum’è un modu cunveniente per i creatori di guadagnà più soldi, ùn ci sò garanzie ch’elli ponu guadagnà un salariu di vita per stu travagliu à tempu pienu.

“Quandu più piattaforme sociali cumincianu à offra vetrine, l’influenzatori puderanu gestisce cinque à ottu butteghe diverse in tutte queste piattaforme è ùn pussede alcuna”, hà dettu Kit Ulrich, direttore generale di Like to Know It, un strumentu affiliate per l’influenzatori. A funzione di affiliazione nativa di Instagram diventerà probabilmente un concorrente di strumenti cum’è Mi piace à sapè, induve i creatori guadagnanu cumissioni per mezu di una pagina chì elenca i so prudutti appruvati.

Per questa ragione, alcuni venditori di vestiti vintage anu ancu resistutu à a spinta di Instagram per compie e vendite in l’app. Hè utile quant’è per u marketing, l’interfaccia rigida è e regule di a piattaforma ùn benefica micca cume certe imprese operanu. Jenna, a venditore vintage da Portland, Oregon, preferisce aduprà Instagram per cummercializà i so vestiti, ch’ella vende per mezu di Depop o di i so messagi diretti. Postu chì hà solu circa 5.000 seguitori, Jenna hà u tempu di cumunicà direttamente cù i clienti, ciò chì face chì u prucessu di vendita si sente assai più persunalizatu.

“I missaghji diretti sò menu transazziunali, è ci hè l’uppurtunità di cunversazione trà un venditore è un cumpratore”, mi hà dettu nantu à i messaghji Instagram. Intantu, alcuni conti Instagram vintage vendenu oggetti per mezu di un prucessu d’offerta informale, è postu chì a vendita và à u più altu offerente, ùn ci hè micca un prezzu stabilitu per esse visualizatu nantu à l’app.

Dopu avè participatu à un seminariu nantu à a funzione di cassa d’Instagram, Reichenbach hà decisu di risiste à aduprà per u so magazinu. A so parè, a funzione ùn hè micca benefica per i picculi venditori è li impedisce di mantene l’infurmazioni di u cliente. “Instagram vole inserisce si cum’è intermediari in queste transazzioni”, mi hà dettu Reichenbach, aghjunghjendu chì altri artisti spartenu sta preoccupazione. «Ci ​​vulerebbe una cumissione per a vendita, chì hè dura postu chì ùn mi ne possu micca sempre permette. Ci hè ancu regule nantu à cume i venditori anu da mandà ordini in una certa quantità di ghjorni è una pulitica di ritornu di 14 ghjorni. Cum’è un picculu venditore, ùn possu micca sempre aderì à questu, è mi basu nantu à i preordini per valutà l’interessu “.

Reichenbach preferisce u so situ web per esse u duminiu centrale induve i clienti acquistanu i so prudutti, micca Instagram. Ella gode di l’agenzia di u so magazinu alimentatu da Shopify, ma ancu se Reichenbach hè u so propiu capu, a so attività dipende largamente di ghjucà da e regule di l’applicazione. A maiò parte di i creatori ricunnoscenu questu scambiu. Hè un tiru di guerra costante in u regnu di l’imprenditorialità digitale.

In una recente postu di blog, Instagram hà cercatu di chiarisce cuncepzioni sbagliate nantu à u so algoritmu è spiegà cumu funziona a tecnulugia di l’applicazione. In riassuntu, ùn ci hè micca un algoritmu, ma parechje variabili chì influenzanu cume l’alimentazione di una persona, a pagina Esplora, Storie è Bobine pò esse urganizata.

“Instagram ùn hà micca un algoritmu chì surveglia ciò chì a ghjente face è ùn vede micca nantu à l’app”, hà scrittu Adam Mosseri, capu d’Instagram. «Usemu una varietà di algoritmi, classificatori è prucessi, ognunu cù u so propiu scopu. Vulemu sfruttà al massimu u vostru tempu, è credemu chì aduprà a tecnulugia per persunalizà a vostra sperienza hè u megliu modu per fà quessa “.

Ci sò, tuttavia, certe abitudini o strumenti in app chì ponu aumentà a portata di i creatori, ancu s’ellu ùn ci hè micca un meccanismu singulare incaricatu di questu. Quandu Reichenbach hà parlatu cun un rappresentante di Instagram in Dicembre, hè stata cunsigliata per publicà in una settimana: da quattru à set Reels; trè posti d’alimentazione; unu à trè clips IGTV; è ottu à 10 Storie. Era un standard “altamente irrealistu”, ancu chì Instagram pretende di curassi di a salute mentale di l’utilizatori.

I creatori ùn devenu micca sempre rispettà l’ideale algoritmicu, però, è alcuni stanu spinghjendu indietro. Sicondu Ulrich di Like to Know It, influenzatori è creatori si rendenu contu chì anu più putere nantu à e so decisioni cummerciale. “I influenzatori custruiscenu a so attività è e so marche è curanu i prudutti”, hà dettu. “Ma ricunnoscenu chì ùn custruite micca l’equità di marca sparghjendula in più piattaforme. Pudete aduprà altre piattaforme per truvà novi cunsumatori è cummercializà a vostra marca, ma ùn hè micca fattibile di operà tanti magazini separati “.

Stephanie McNeal di BuzzFeed News hà descrittu pocu fà stu sintimentu cum’è “mini rivolta»Trà l’influenzatori d’Instagram, chì anu pensatu chì l’applicazione ùn hà micca u so interessu in core. Certi anu manca o sò in pausa mentre chì altri anu canalizatu più sforzu in piattaforme cum’è Patreon, OnlyFans, o Substack chì li permettenu di monetizà direttamente i so fan. Ci hè una spinta crescente per i creatori à avè a pruprietà di u so cuntenutu è di u so publicu, invece di restà sottumessi à i capricci di e piattaforme. I creatori sò stati frustrati da a difficultà di guadagnà una vita coerente quandu e so metriche d’impegnu ponu oscillà di mese in mese. Ùn hè micca un prublema specificu per Instagram; Vloggers di YouTube, Twitch streamers, è ghjovanu TikTokers si sò lagnati d’esse brusgiati. Eppuru, a capacità di abbandunà una piattaforma di tacchinu fretu – di smette di invià per settimane o mesi à a volta – ùn hè micca fattibile per i creatori à tempu pienu chì u redditu hè principalmente generatu da a so attività in linea.

Polly Barks, una educatrice à perdite zero è sustenibilità, hà decisu di cancellà u so contu Instagram in settembre dopu avè accumulatu 27.000 seguitori. Ùn hè stata una decisione chì hà pigliatu à a leggera, ma in i dui anni precedenti à a so partenza, Barks hà vistu una calata costante di u so impegnu, chì hà influenzatu a so salute mentale. Finalmente hà pensatu chì u so livellu d’investimentu versu Instagram ùn furnia risultati di fondu. “Quandu avete un creatore o un cuntu cummerciale, hè difficiule di ùn esse ossessionatu da i numeri”, hà dettu Barks. “Pudete vede chì e vostre metriche di impegnu falanu, è cuminciate à cresce ansiosi”.

Attualmente scrive una newsletter è travaglia da cunsultante freelance in marketing è sustenibilità. L’effettu di lascià Instagram nantu à u redditu di Barks hè statu marginale, in parte perchè u so travagliu ùn era micca solu dipendente da l’app. “Se site dipendente di e rete suciale per a maiò parte di u vostru redditu, hè più difficiule di smette cum’è me”, hà dettu Barks. “Pensu chì sti aggiornamenti sò un modu per tene a ghjente, in particulare creatori più grandi, nantu à a piattaforma. Se riceveranu una compensazione ghjusta per u so travagliu è u tempu passatu in Instagram, ùn sò micca sicuru “.

A maiò parte di l’utilizatori ùn sò micca abituati à pensà à u cuntenutu digitale cum’è travagliu, ma u travagliu di i creatori hè cruciale per generà entrate per e piattaforme. Stu tipu di travagliu puderia sembrà aspirativu à l’iniziu, hà dettu Barks, cum’è qualcunu chì hà trasfurmatu cù successu a so passione in travagliu à tempu pienu: “Ùn hè micca bellu cum’è pare quandu duvete calculà a vostra tarifa oraria”.

L’ecunumia di i creatori prospera nantu à una cultura di travagliu disaggregata, individualizata, ma i so participanti ùn sò micca liberati da e limitazioni di a cultura di cumbugliu. In realtà, hè più faciule per u regnu di u travagliu è di a vita di mischjassi, cancellendu ogni sensu di autonomia digitale quandu sò cunnessi in linea. L’ultimi strumenti di creatore di Instagram sò un’occasione per più utilizatori di guadagnà direttamente soldi. Hè dinò un riflessu di a presa paternalistica di l’applicazione nantu à i comportamenti di i creatori – a frequenza chì cummentanu, postanu, spartenu è trasmettenu.

“Sentite sempre chì duvete fà o publicà qualcosa”, hà dettu Reichenbach. «Ci ​​hè assai stanchezza, ma chì pudete fà? Instagram m’hà permessu d’avè a mo propria impresa “.

Loading...




Source link

Loading...

Read More

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Back to top button